Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on email

Storie di ordinaria efficienza

Alle ore 11:50 è stata ricevuta una segnalazione di una perdita copiosa in v. Roma ang. v. Cavour.

La prima doverosa considerazione riguarda il fatto che, per la nostra Azienda, non esistono urgenze più importanti a seconda della zona in cui si verificano. Certo è che se gli eventi si manifestano in zone particolarmente frequentate come il centro città hanno una cassa di risonanza maggiore, ma ci teniamo a sottolineare che la velocità di intervento oggettivamente eccezionale dimostrata da AM+ nella recente perdita di via Roma rappresenta la regola di capacità di risposta alle emergenze delle nostre squadre operative”.

Con questa premessa Massimo Zemide, presidente di AM+, racconta la concitata giornata de 3 maggio.

Alle ore 11:50 riceviamo segnalazione di una perdita copiosa di acqua in via Roma zona Santa Croce. Immediatamente interveniamo sul posto con 2 squadre di tecnici e con l’impresa d’appoggio nostra partner, per un totale di 10 persone che lavoreranno fino alle 23 per fermare la perdita e ridare acqua ai cittadini.”

12 ore di intenso lavoro per rispondere a quella che tecnicamente viene definita “rottura improvvisa” e che nel caso specifico riguarda il primo e più antico condotto dell’acquedotto cittadino, in ghisa, posato più di 100 anni fa. All’epoca il progetto di tubature era di tipo concentrico, partiva dal cuore dell’abitato e si sviluppava via via nel resto della città. Gli impianti di via Roma sono quindi i più antichi in assoluto e alcuni di essi sono fatti con materiale non più in uso, completamente usurato dal tempo. Ma la difficoltà principale di questo intervento d’emergenza è dovuta al fatto che sopra le tubazioni rotte, circa 40 anni fa, si è deciso di porre una piattaforma in cemento sulla quale poi è stato depositato il porfido. Si stima quindi che la perdita d’acqua in questione potrebbe averci messo molto tempo per forare la piattaforma in diversi punti e arrivare infine in superficie con una potenza significativa che è propria della condotta principale DN200. Nonostante le caditoie abbiano svolto regolarmente il proprio compito di espulsione dell’acqua, la grande pressione ha prodotto comunque l’allagamento delle vie circostanti. Solo una caditoia è risultata parzialmente ostruita, le altre 5 hanno funzionato bene e ridotto di fatto la dimensione dell’allagamento. Solo nelle prossime settimane sarà possibile calcolare con precisione la quantità d’acqua andata perduta. Purtroppo alcune cantine, sembrerebbe solo tre unità ma si attendono eventuali segnalazioni dagli abitanti, sono state allagate. Am+ ha immediatamente informato gli interessati della garanzia di copertura assicurativa a risarcimento dei danni subiti.

L’intervento del personale di AM+, davvero encomiabile per rapidità, ha consentito di chiudere l’acqua e togliere pressione grazie al sezionamento della rete” dice Massimo Zemide, presidente di AM+. “Va sottolineato però che la piattaforma in cemento posta sopra le tubazioni ha rallentato enormemente i lavori di intervento sulla perdita. Ora si tratta di ripristinare il ciclo idrico in tutta la zona interessata”.

Come prima cosa si è deciso di sostituire il centenario condotto in ghisa con uno in polietilene di più moderna tecnologia, per evitare future perdite che, visto lo stato attuale delle tubature, sarebbero praticamente certe. Significa sostituire oltre 50 metri di tubi. Quindi si procederà al ripristino provvisorio della pavimentazione e, in una seconda fase, a quello definitivo con posa del porfido. I lavori riguarderanno il tratto di via Roma incluso tra vicolo Santa Croce e via Cavour e dureranno 4/5 settimane. Durante questo periodo di manutenzione, anche per motivi di sicurezza, il tratto di strada interessato resterà chiuso al traffico di automobili e mezzi pesanti, mentre, per agevolare il lavoro dei tanti esercizi commerciali presenti in zona, sarà sempre garantito il passaggio pedonale. AM+, che nel tempo ci ha abituati bene, con lavori di ripristino all’insegna della qualità e svolti sempre in tempi ragionevoli, è chiamata anche questa volta a un bell’impegno.

Sfida raccolta” conclude il presidente Massimo Zemide.

PRONTO INTERVENTO

Dal 01/01/22 per guasti e perdite acqua in tutti i Comuni gestiti:

Il servizio di pronto intervento per segnalazione di perdite acqua, irregolarità o interruzioni della fornitura, è gratuito ed attivo 24 ore su 24 tutti i giorni dell’anno.

Il nostro sito fa utilizzo di cookie. Continuando, accettate esplicitamente l’utilizzo degli stessi, come specificato nella nostra privacy policy